[di profeti e di patrie]

(Pensavo di aver riportato su questo blog tutto il contenuto delle mie “case” che furono, su splinder.  Invece no. Cercando altro ho trovato questo.)

Csontváry Kosztka Tivadar, Il giovane pittore (1898)

Csontváry (1853-1919) faceva il farmacista, di mestiere. Poi ha studiato pittura, anche in Germania e a Parigi, con i maestri ungheresi più noti dell’epoca. Per (nostra) fortuna, ha poco assorbito di tutte le “scienze” che avrebbero potuto renderlo un coccolato pittore da salotto buono.
Ha viaggiato tanto – sulla costa dalmata dell’Adriatico, in Italia, in Grecia, in Palestina, in Egitto… – e dipingeva panorami “da sogno” di enormi dimensioni.

Da nessuna parte comprendevano la sua arte, l’unica “patria” in cui si ritrovava era quella da lui dipinta. La pittura “colta” lo snobbava un po’, la gente comune dell’inizio secolo aveva tutt’altri modelli di bellezza.

Quando le sue mostre a Parigi vengono elogiate dai più grandi critici, in Ungheria nei suoi quadri “visionari” si leggono i sintomi della sua “psicopatologia”. Perché lui “si atteggiava da profeta”. Non stava nella corrente montante nazional-sciovinista, non aveva molto da spartire con la sparuta avanguardia (o “guardia”) resistente-oppositrice. Ché lui era uno che… vedeva. Era persona “eccentrica”; astemio, quasi del tutto vegetariano e – quel che è peggio – pure pacifista.

Negli ultimi anni scriveva soltanto; la sua è una scrittura filosofico-autobiografica extra-ordinaria come le sue tele. In proposito annoterà il curatore postumo dei suoi testi: «In fondo, amiamo le leggende non perché sono vere ma perché sono – belle.»

Per Il giovane pittore si fa spesso riferimento alla “mitologica” pastorella greca che disegna il suo amato nella sabbia. Si sa che il quadro (piccolino, 38,5 x 29 cm) fu dipinto a Napoli.

Ho cominciato a scrivere di Csontváry e di questo quadro perché volevo dire perché mi è caro. Ma, in fondo, che importanza ha?

( 22 maggio 2007)

3 pensieri su “[di profeti e di patrie]

    • E’ curioso – mostruoso, triste, salvifico… – come possano sbiadire le nostre “letture in filigrana” legate più ai nostri momenti che alle stesse immagini o parole…
      No, non te lo posso – meglio, non te lo so dire.
      Ma sicuramente aveva a che fare con l’amore raffigurato in un luogo dove solo occhi “sensibili” l’avrebbero scorto, in un luogo che è insieme ascesa e discesa, su un gradino tra il buio e la luce da dove non si vede cosa c’era o cosa ci sarebbe stato alla partenza e all’arrivo. Il luogo degli incontri eterni.

      Mi piace

      • Salvifico benché crudele.
        Stupisce anche me vedere quel che la lontananza nel tempo riesce a produrre e come molte situazioni diventino non solo sbiadite, ma addirittura possano cambiare coloritura.
        E come gli oggetti rimangano comunque portatori di forza emotiva e simbolica. Inconsapevolmente entrano a far parte della nostra bografia.

        Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...