[spettinata]

I pensieri mi crescono come i capelli. Mi perseguita in testa questa boiata e allora prendo uno spillo e l’attacco qui, guardiamoci in faccia, dimmi che vuoi.
La rivoluzione vorrei, la ghigliottina. Forse, non lo so. So niente, io, ho in testa una vecchia mappa con tante strade chiuse e un sentiero che finisce all’inferno blu.
Un bel taglio, ecco. Un complemento nuovo di luogo e di tempo, l’antico verbo coniugato al plurale familiare, un riccio di parola stupida sulla fronte a far solletico e ridere ridere fino alla morte.

Annunci