[forse]

E fu una notte lunga e tempestosa. Sradicò le parole con misura coltivate, le strappò ai sostegni di pudore divelti e tutto franò in un ventre ribollente che tace, ora, sotto il grigio di un giorno già vecchio che tace e s’incammina verso la sera pietosa di buio e di silenzio e domani, forse un domani, forse nuove mani, forse la parola…
Già.
(amaliazingara, 19 maggio 2008)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...