[labbra d’argilla]

Quella riga severa delle labbra serrate, cresta d’argilla a diga di parole a rischio di promesse di un presente assente, solco arso da una lingua di fuoco che si spegne nel deserto di un volto dove una lacrima di vita scivola via via… fango diventa, poi asciuga nel muro alzato a difesa – a casa – di solitari sogni, muta fortezza d’argilla al confine di sé.
(majarie, 17 dicembre 2007)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...